Seganle libero è partito il 12 Novembre 2016, creando un vero e proprio percorso d‘arte a cielo aperto.
Sette cabine telefoniche dismesse, collocate in vari punti della città, sono diventate luoghi espositivi destinati agli artisti mentre una è stata adibita permanentemente a scambialibri.

L’ edizione ZERO, ha visto la partecipazione di artisti “territoriali” che hanno dato vita alle cabine animandole con le loro opere.


La partenza di progetto ha avuto una buona diusione riuscendo a riscuotere interesse e curiosità da parte della stampa locale e nazionale, con pubblicazioni, recensioni ed interviste anche da parte della TV regionale.

Una serie di eventi collaterali si sono svolti durante l’edizione ZERO con lo scopo di mantenere vivo l’interesse sul progetto e sul suo risvolto sociale e territoriale. Gli artisti coinvolti nel primo lancio del progetto, dal 20 Novembre al 7 Gennaio, hanno prodotto una serie di appuntamenti ”Fuoricabina”: laboratori, performance live, interventi musicali e scambialibri.

Dalla cabina all’esposizione collaterale
Nelle intenzioni di Segnale libero c’è stata da subito quella di poter allestire una mostra collettiva dedicata agli artisti coinvolti, che servisse da visuale più approfondita sulla loro espressione artistica. Nasce quindi lateralmente all’edizione ZERO anche l’evento Segnale di Strada ospitato in una location decisamente d’onore, la palazzina ex18 del Comune di Vercelli.

Hanno parlato di noi:
- LA STAMPA (articolo in regionale, con strillo in prima pagina).
- LA STAMPA (vari articoli pagine di Vc).
- LA SESIA (vari articoli)
- NOTIZIA OGGI (vari articoli)
- TG3 PIEMONTE (servizio notiziario del mattino + repliche notiziario serale).
- RADIO CITY (varie interviste).
- RADIO ONE TORINO (intervista).
- RADIO FLASH TORINO (intervista)
 
« 1 di 2 »